Un libro, due cuori, un “tuffo” nella storia della medicina

IMG_0870

Anche questa volta la nostra avventura comincia con un libro.

Un libro che, come sempre, ci apre le porte non solo sulla grande Storia, ma, se si ha voglia di cercare, anche su quella “minore” che non troviamo sui testi scolastici. E la storia “minore” non è meno importante della “grande” e spesso ci riserva scoperte davvero interessanti.

Il libro da cui partiamo mi è particolarmente caro poiché unisce tre grandi passioni: i libri, la storia e la cardiologia. Si tratta del “Traité de la structure du coer, de son action et de ses maladies”. Un testo di medicina, dunque, ma non fermiamoci alle apparenze; ben lungi infatti da essere un “arido” testo di scienza per pochi iniziati, il libro offre al contrario spunti interessanti anche per i non addetti ai lavori.

Il trattato di Senac

L’opera, pubblicata inizialmente a Parigi nel 1749, arricchita da bellissime incisioni (per chi apprezza il genere anatomico!), è un testo di cardiologia che, trattando di anatomia, ma anche e soprattutto di fisiologia e patologia, è stato per molto tempo un punto di riferimento per gli addetti ai lavori.

 

Il suo testo, uno dei primi trattati di cardiologia e sicuramente uno dei più importanti, fece presto il giro dell’Europa e giunse in Italia nel 1773 quando l’editore Giammaria Rizzardi, a Brescia, decise di tradurlo per la prima vota in lingua italiana. Riunì i 4 tomi originali in due volumi e recuperò le lastre delle 17 incisioni originali dell’edizione francese. Da questa edizione partiamo oggi per la nostra breve avventura.

 

L’autore del trattato è Jean Baptiste di Senac: il “primo cuore” del nostro racconto.

Jean Baptiste di Senac

image.png

Jean Baptiste Senac

Il cuore del piccolo Jean Baptiste cominciò a battere in un giorno non identificato del 1693 a Lombez, un piccolo borgo della Guascogna, sulla strada per i Pirenei, con una storia antica e una bella cattedrale in stile gotico di Tolosa, degna di una grande città. Suo padre era avvocato e giudice, la madre discendeva da una famiglia di notai. Sappiamo pochissimo della sua infanzia. Visse i primi anni a Castelnau-Magnoac, villaggio di origine della madre. Pare che abbia seguito studi teologici prima di dedicarsi alla medicina e che abbia fatto apprendistato presso un chirurgo. Di certo sappiamo che si recò poi a studiare a Leida, città dei Paesi Bassi che all’epoca ospitava una delle più prestigiose università dell’Europa continentale, frequentata da studiosi e scienziati tra i più celebri del tempo. Terminati brillantemente gli studi universitari di chimica e medicina, Jean si recò a Londra per frequentare quello che noi chiameremmo oggi un “master” presso John Freind, chimico e medico di chiara fama, che fu tra l’altro anche medico personale della Regina Caroline. Aveva trent’anni quando rientrò in Francia, nel 1723, e si sistemò a Parigi dove iniziò ad esercitare la professione medica mettendosi presto in luce per la sua preparazione e le sue grandi capacità.

IMG_0865

Calcolo della “potenza” del cuore

Fino ad allora la cardiologia si era basata prevalentemente sullo studio dell’anatomia del cuore, molto poco si sapeva del suo funzionamento e la pratica medica si basava per lo più sull’ esame del polso e sull’auscultazione del torace. Senac, oltre allo studio dell’anatomia si dedicò in maniera approfondita anche allo studio della fisiologia del cuore e della patologia, cioè delle malattie e di come si possono curare. Pubblicò dei testi che per molto tempo rimasero un importante punto di riferimento per la cardiologia. Alternò lo studio e la ricerca alla pratica. Divenne così famoso ed apprezzato da essere chiamato a curare molti personaggi importanti. Il più importante di tutti fu il “secondo cuore” del nostro racconto.

IL CUORE DI Luigi XV

image.png

Luigi XV di Francia

E’ nientemeno che il cuore di Luigi XV, pronipote e successore del
grande Luigi XIV, divenuto Re a cinque anni, nel 1715 dopo la morte prematura per il vaiolo dei genitori e del fratello. Per ironia del destino anche lui, nel 1774, dopo 59 anni di regno, morì di vaiolo.

Intorno ai quarant’anni il cuore di Luigi XV cominciò a perdere il ritmo e il fiato a mancare: i medici di corte sentenziarono che il Re aveva bisogno di un esperto di cuore. Era inevitabile che la scelta cadesse proprio sul nostro Jean Baptiste de Senac che, come abbiamo visto, era diventato famoso per le sue capacità oltre che per i suoi studi e le pubblicazioni sul cuore. Fu così che nel 1752 Senac divenne l’archiatra (così allora si chiamava il primo medico di corte e medico personale del sovrano) di Luigi XV. E fu bravo se, come la storia ci tramanda, il Re morì più di 20 anni dopo per colpa del vaiolo e non del cuore.

Senac aveva identificato la correlazione tra insufficienza della valvola mitrale (era questo che faceva mancare il fiato a Luigi XV) e la fibrillazione atriale. Egli fu tra i primi a parlare della Fibrillazione Atriale, l’aritmia oggi più diffusa. Inoltre, descrisse l’ipertrofia cardiaca e le sindromi pericarditiche.

image.png

La Fibrillazione Atriale

Per curare queste irregolarità cardiache il medico sperimentò l’uso dell’estratto di china e dell’estratto di rabarbaro, pianta in grado di produrre una sostanza glucoside simile alla digitale (ancora oggi utilizzata in alcune forme di tale aritmia). L’ importante ruolo di Jean Baptiste Senac è stato dunque quello di contribuire a gettare alcune delle basi di una disciplina, la cardiologia, destinata a cambiare il destino di miliardi di altri cuori.

Un esploratore, un filosofo, uno scienziato, una porta aperta sull’alba della scienza medica.

  1 comment for “Un libro, due cuori, un “tuffo” nella storia della medicina

  1. 14 agosto 2019 alle 23:00

    Wow. A quanto pare la mia città fa le scarpe a non poche altre, quando si tratta di certe eccellenze editoriali…! 😉
    E hai ragione, sono bellissime immagini, poco da invidiare ai moderni manuali.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: